Home Artisti Jonathan Torres

Kooness

Jonathan Torres

1983
Puerto Rico

9 Opere in mostra

Rappresentato da

Opere di Jonathan Torres

No Lucky 7

2012

Dipinti , Tecnica mista , Olio , Acrilico

147.32 x 137.16cm

8449,00 €

Fucking the Paradise

2013

Dipinti , Tecnica mista

147.32 x 289.56cm

11265,00 €

Mother Appetite

2015

Dipinti , Tecnica mista

182.88 x 157.48cm

11265,00 €

The Wedding Feast

2013

Dipinti , Tecnica mista

182.88 x 157.48cm

11265,00 €

The Angel and the Tooth Fairy

2013

Dipinti , Tecnica mista

157.48 x 147.32cm

9388,00 €

Toro Negro

2018

Dipinti , Tecnica mista

132.08 x 127cm

8449,00 €

Calle Hipodromo

2019

Dipinti , Tecnica mista

40.64 x 50.8cm

1878,00 €

Mother Appetite II

2019

Dipinti , Tecnica mista

81.28 x 66.04cm

3755,00 €

The Last Supper

2017

Dipinti , Tecnica mista

127 x 182.88cm

10326,00 €

Jonathan Torres è nato a San Juan, Porto Rico nel 1983, ha ricevuto il suo BFA nel 2009 dalla Escuela de Artes Plásticas, San Juan, e il suo MFA dal Brooklyn College nel 2012 sotto la guida di Vito Acconci. Attualmente Torres è residente presso lo Sharpe-Walentas Studio Program (NY, 2022 -23). Nominato dalla Joan Mitchell Foundation, Torres è stato selezionato per la Biennale Mercosul (Brasile 2016), ha vinto il Charles G. Shaw Award (NY, 2012) e l'Arcos Dorados Award (Argentina, 2011). Torres espone in mostre personali e collettive tra New York e Porto Rico da oltre dieci anni. Il suo lavoro è stato presentato in Flash Art, Beautiful/Decay, e Art Observed, tra le altre pubblicazioni. Torres vive e lavora a Brooklyn, New York e le sue opere appartengono a importanti collezioni come il Museum of Fine Art, Boston e il Museo Contemporáneo de Puerto Rico.

Dichiarazione dell'artista 

Sono un artista portoricano di San Juan e ora vivo a Brooklyn, New York. Lavorando con dipinti, sculture e video, una caratteristica ricorrente nelle mie opere è l'indicazione della ultraterrenità oltre a vivere in diaspora. Molti dei miei dipinti raffigurano volti distorti; le figure subiscono o hanno completato metamorfosi – sono un carattere riconoscibile, ma trasformato in un nuovo personaggio. Con questo, rifletto sulla mia identità di portoricano e qualcuno che ha lasciato l'isola, ma anche sul vivere in una città ruvida a New York. In entrambi i luoghi, la bellezza e la felicità esistono, ma l'assurdità e l'ansia sono presenti, sia personalmente che politicamente. Nelle mie opere voglio che lo spettatore sia assorbito in questo mondo che intreccia ansia e bellezza. Le figure vulnerabili e brutte che assomigliano sia ai mostri che agli umani sono scolpite tanto quanto sono dipinte. Le mie sculture sono anche un'estensione dei dipinti che vengono completati da ciò che li circonda. Il mio processo per raffigurare i paradisi bizzarri è creato enfatizzando un rituale materialista che esplora la variazione dei materiali utilizzati, come cera, pelle oleosa, riempimento di fibre, silicone, tessuti, finti capelli, pizzi, piume, superfici pigmentate in acrilico e olio. Pur raffigurando qualcosa di riconoscibile, l'espressionismo astratto è presente, con elementi di esso mostrati nelle mie opere attraverso l'intensità emotiva che era caratteristica del movimento. Uso le mie esperienze personali e i miei ricordi e traumi, commentando allo stesso tempo intrinsecamente il clima collettivo e socio-politico.