Home Artisti Dana Gordon

Kooness

Dana Gordon

1944
Boston, United States

33 Opere in mostra

Posizione attuale

New York City

Rappresentato da

Categorie

Non hai il tempo per sfogliare il catalogo di questo artista? Compila il modulo per ricevere una selezione curata ad hoc per te delle opere che stai cercando.

Opere di Dana Gordon

Close to the Sun

Dipinti

101.6 x 152.4cm

8380,00 €

Time Disgathering

Dipinti

152.4 x 183cm

11154,00 €

Visit to Cubism

Dipinti

152.4 x 183cm

11154,00 €

Facebook

Dipinti

152.4 x 183cm

11154,00 €

Today

Dipinti

76.2 x 101.6cm

6079,00 €

Green Spaces

Dipinti

76.2 x 101.6cm

6079,00 €

12 Shapes

Dipinti

76.2 x 101.6cm

6079,00 €

Threshold

2023

Dipinti , Olio

152.4 x 101.6cm

6400,00 €

Late Music

2023

Dipinti , Olio

152.4 x 122cm

8498,00 €

Avalon

2023

Dipinti , Olio , Metallo

152.4 x 183cm

11272,00 €

Dana Gordon è una pittrice astratta americana il cui lavoro per molti anni ha esplorato forme giocose e colori vividi per mostrare un'astrazione esuberante. Come artista multidisciplinare, Gordon scrive anche di arte, ha disegnato scenografie per l'opera e la danza e, nel periodo 1968-78, ha realizzato film d'avanguardia e dipinti.

Vive e lavora a New York.


Istruzione

L'artista è nato nel 1944 a Boston. Da bambino, era molto vicino al nonno materno che era uno studioso talmudico e in cui il giovane Gordon trovò una spiritualità amorevole. Gordon si trasferì con la sua famiglia a Chicago quando aveva solo cinque anni. Sua madre lo introdusse ai dipinti impressionisti e post-impressionisti all'Art Institute di Chicago, mentre suo padre, uno scienziato che suonava il pianoforte, lo espose alla musica classica e al jazz. Cresciuto con la consapevolezza degli incredibili edifici della città, Gordon fu tentato di diventare un architetto.

Dana Gordon dipinse da bambina e frequentò corsi presso l'Art Institute di Chicago. Anche se i suoi genitori incoraggiarono il suo apprezzamento per l'arte per tutta la sua infanzia, quando decise, mentre era al college, di diventare un artista, si rivoltarono totalmente contro di essa, ma non cambiò la sua decisione. Dana ha conseguito la laurea in arte presso la Brown University di Providence nel 1966 e la laurea in arte presso l'Hunter College di New York nel 1969.


Tecnica

All'inizio della sua carriera, Gordon produsse tele tridimensionali sagomate per circa dieci anni. Ma a metà degli anni '70, "ricominciava" (come dice lui), riesplorando la pittura direttamente dai suoi componenti più elementari, usando la marcatura e la linea come suo veicolo principale o punto di ingresso.

I risultati, da serie a serie, si sono talvolta orientati più verso la linearità, altre volte verso grappoli di segni, altre volte ancora verso le forme delineate. Le qualità delle linee e della calligrafia variavano in un'intera gamma, dalle linee di matita infinitamente sottili (bordi delle forme) alle pennellate molto larghe, abbastanza larghe da essere forme stesse.

Nei suoi dipinti 2010-2014, la linea è diventata il bordo delle forme, fornendo aree distinte per la piena espressione del colore. Gordon pensa anche alle singole forme, alle forme adiacenti e ai grappoli di forme come piccoli dipinti in sé, all'interno dell'intero dipinto più grande.

Nella sua pratica, l'artista non usa colori terrosi o neri, ma solo colori spettrali creando opere d'arte chiare, specifiche e forti. Alla domanda circa il suo approccio al colore, Gordon ha detto: "Un pittore ha bisogno di colore puro come un compositore ha bisogno di toni precisi puri."


Ispirazione

Alla domanda sulle sue ispirazioni, l'artista ha detto: "Sono ispirato da tutte le mie esperienze e osservazioni, da persone, città, paesaggi e arte, per fare dipinti astratti che sono pieni, ricchi, completi e significativi come i grandi dipinti maestri del passato. Voglio che la mia arte provochi sentimenti e pensieri profondi, ma anche piacere e gioia. In sostanza si pone, e risponde, due domande: come ci si sente ad essere vivi, e cosa è l'arte."

Dana Gordon è stato immerso in un ambiente artistico durante la sua giovinezza, visitando l'Art Institute di Chicago molte volte. Tuttavia, la prima epifania che gli ha fatto comprendere la creatività è emersa dai jazz club visitati nella sua adolescenza: ascoltare e vedere le improvvisazioni di Miles Davis e John Coltrane è stato, come dice Gordon, "essere dentro il pensiero creativo dei geni artistici in tempo reale, mentre lo facevano."

Vivendo nel centro di Manhattan alla fine degli anni '60, Gordon era circondato da un mondo artistico concentrato e molto vivace. Durante i suoi studi in pittura e scultura all'Hunter College, i suoi insegnanti erano artisti come Tony Smith, George Sugarman, Ad Reinhardt e Ralph Humphrey, tra gli altri. Inoltre, ha lavorato per Smith (1968-69) e Sugarman (1967) come assistente nei loro studi. 

Dana era attratta e ispirata dalla loro pratica perché esemplificavano la completa serietà e dedizione nell'arte, nonché il più alto livello di realizzazione artistica. Allo stesso tempo, divenne amico della pittrice Alice Neel, un'artista altrettanto seria e compiuta con una visione un po' diversa dell'arte e del mondo dell'arte. 

Ha lavorato al MoMA per circa un anno dove ha potuto esaminare a lungo alcune delle più importanti opere d'arte moderna. Più tardi, Gordon lavorò al Museo d'Arte di Honolulu dove studiò la sua collezione di paesaggi cinesi e pittura Zen.

Le composizioni di Dana Gordon evocano un po' l'orfismo cubista e sono caleidoscopiche e contemplative. Durante la pittura, Gordon è interessato alla conversazione visiva tra colori, forme e linee.

Questa comprensione dell'arte si ritrova non solo nei suoi dipinti ma anche nei saggi che scrisse per varie pubblicazioni su una delle sue ispirazioni, l'artista Camille Pissarro. 

A proposito di Pissarro, Gordon scrisse sul Wall Street Journal nel 2007: "Pissarro è popolarmente conosciuto come il primo impressionista.  Ma nella sua vita era noto per fare di più.  Fu, in sostanza, il primo artista astratto.  Ha dimostrato che le qualità di base della pittura — colori, pennellate, materialità, linee, forme, composizione - erano significative di per sé e hanno trasformato la pittura in pura poesia visiva."

Dichiarazione dell'artista

"Si è di fronte a domande esistenziali ogni volta che si inizia a lavorare su un dipinto, che è in definitiva ciò che rende vale la pena guardare e fare. In generale, cerco di lasciare che tutto ciò che ho vissuto influenzi la mia pittura. E poi lasciare che il processo si risolva da solo. Il processo è come una conversazione (spesso una discussione) con il dipinto ed è sia mentale che fisico.

La pittura è un linguaggio visivo completo e aperto di espressione intellettuale, psicologica ed emotiva. (La sua essenza è veramente visiva, niente affatto narrativa, letteraria, accademica, teorica o politica.)

L'astrazione storica deriva da tutte le forme d'arte, ma fondamentalmente è anche alla base di esse.  La forma astratta comprende la nostra visione della natura e si trova in tutta la natura."

Preventivi pertinenti

James Panero, direttore esecutivo del New Criterion, ha recensito per anni le mostre di Gordon e ha detto del suo lavoro: 

"Dana Gordon ha lavorato attraverso una particolare costruzione astratta che posiziona una forma di colore all'interno di una griglia. Mentre molti artisti dipingono ampiamente, Gordon dipinge profondamente. Si è dedicato singolarmente alla comprensione delle possibilità di questo particolare idioma.La graduale evoluzione del suo lavoro è diventato un progetto d'arte in sé. Riesco a pensare a pochi artisti che sono così premurosi nell'esaminare i mattoni dell'olio su tela (...) Piuttosto che esaurire un semplice linguaggio; Gordon ha dimostrato come alcuni elementi di base possano affascinarci con un caleidoscopio di interesse visivo "

Distinzioni notevoli

È il destinatario di diverse borse di studio tra cui la Pollock-Krasner Foundation, la Edward Albee Foundation, il Wisconsin Arts Board, e altri. Nel 1980 ricevette una borsa di studio da Change, Inc., la fondazione di Robert Rauschenberg.


Esposizioni

Dalla metà degli anni '70, Dana Gordon ha esposto ampiamente in mostre personali e collettive, per lo più sulla costa orientale degli Stati Uniti. La sua prima personale a New York fu esposta alla Ericson Gallery di Madison Avenue nel 1982. Le sue mostre sono state recensite in molte importanti riviste e pubblicazioni tra cui il New York Times.


Riscossioni

Il lavoro di Gordon è presente in collezioni pubbliche e private a livello nazionale e internazionale, tra cui il Brooklyn Museum of Art, Philip Morris Corp e l'American College of Greece.

MOSTRE PERSONALI

2019

"Retrospettiva" Westbeth Gallery, New York, NY

2018

Galerie Metanoia, Parigi, Francia

2017

Sideshow Gallery, Williamsburgh, Brooklyn, NY

2014

Andre Zarre Gallery, New York

2013

Sideshow Gallery, Williamsburgh, Brooklyn, NY

2003

Gallery Camino Real, Boca Raton

1997

Andre Zarre Gallery, New York

1996

The Courthouse Gallery of Anthology Film Archive, New York

1995

“Kunstmuhle,” “Next” kunst verein International Studio and Exhibition, Graz, Austria

1994

 Adelphi Univer Sity, Garden City, Long Island

55 Mercer Gallery, New York

1993

55 Mercer Gallery, New York (gennaio)

55 Mercer Gallery, New York (ottobre)

The Painting Center, New York City (ottobre) (Co-fondatore del Painting center)

1988

Ruggiero - Henis Gallery, New York

1982

Ericson Gallery, New York

1973

Galleria delle Piramidi, Ann Arbor

1967

Armour Gallery, Chicago
 

MOSTRE COLLETTIVE SELEZIONATE

2016    

Mishkin Gallery, Baruch College, NYC, a cura di Richard Timperio

Sideshow Nation IV, Thru the Rabbit Hole, Sideshow Gallery, Williamsburg, Brooklyn

2015

Mishkin Gallery, Baruch College, NYC, a cura di Richard Timperio

Sideshow Nation III, Circle the Wagons, Sideshow Gallery, Williamsburg, Brooklyn

Paperazzi, Janet Kurnatowski Gallery, New York

2014

Andre Zarre Gallery, 40th Anniversary Exhibition

21 e Counting, The Painting Center

Sideshow Nation II, Alamo, Sideshow Gallery, Williamsburg, Brooklyn

Paperazzi, Janet Kurnatowski Gallery, New York

2013

Surviving Sandy, Industry City, Brooklyn, curatore, Phong Bui

NurtureArt Benefit, Bernarducci Meisel Gallery, NYC, curatori, Lamensdorf, Panero, SmithStewart e Tribe, ottobre2013

Sideshow Nation, Sideshow Gallery, Brooklyn

2012

Bushwick Open Stud ios, 1013 Grand Street, Brooklyn

Cosa può fare solo Paint, Triangle Arts Assoc., Brooklyn; curatrice Karen Wilkin

Mic Check, Sideshow Gallery, Brooklyn

2011

It' s All Good, Sideshow Gallery, Brooklyn

2010

Bushwick Open Studios, 1013 Grand Street, Brooklyn

2001

Charles Cowles Gallery, New York

1996

Old City Hall, Praga, Repubblica Ceca., “Sentient”, artisti dello Studio Internazionale di Graz

1995

 Andre Zarre Gallery, NYC,"Paper and Canvas", (altri artisti in mostra incl. Frances Barth, Ellen,Lanyon, L oren Munk, Doug Ohlson, Marjorie Strider, Joan Thorne, Thornton Willis)

Leubsdorf Gallery, Hunter College, NYC, “News, Surprises, Nostalgia”(altri artisti in mostra: Alice Aycock, Frances Barth, Arlene Bayer, Howard Buchwald, Jean Fineberg, Mike Glier, Anit a Janoff - Katjanelson, Mel Kendrick, Scott Pfaffman, Alan Sonfist, Carolee Thea, Joan Thorne, Clover Vail, Barbara Zucker)

Blondies Contemporary Art, New York

1994

Andre Zarre Gallery, NYC, "Thru Thick and Thin" ( altri artisti in mostra incl. S.Delaunay, Hazlitt, Ohlson, Lanyon, Pereira, Strider, Xceron Hazlitt, Ohlson, Lanyon, Pereira, Strider, Xceron)

Blondies Contemporary Art, New York

55 Mercer Gallery, New York,“Friends”

1993

Paolo Baldacci Gallery, New York

Iniziative artistiche alla NY Law Scho ol Gallery, NYC,"Visual Evidence"

The Painting Center, NYC,"The Preview Show"

1991

The Right Bank Gallery, Williamsburg, Brooklyn;

Brand Name Damages Gallery, Williamsburg, Brooklyn

1989

Ledis Flam Gallery, New York,"Dipinti che mi piacciono" (cinque artisti, incl. Amy Sillman, Peter Acheson)

1988

Triangle Artists Workshop, Pine Plains, New York

1987

Kouros Gallery, NYC, “Knowing What I Like”; curatore, John Bernard Myers

1985

Peder Bonnier, Inc., NYC

Northside Arts and Industries, Williamsburg, Brooklyn

1984

Peder Bonnier, Inc., NYC

1983

Painting Space 122, NYC,“Jump — Four Painters”

1982

“New New York”, Phoenix Museum of Modern Art, Coral Gables Metropolitan Museum, Florida State University Art Gallery; curatore, Albert Stewart (altri artisti incl. Amenoff, Basquiat, Fischl, Kendrick, Sherman)

1981

Neill Gallery, New York,“Cloudworks”; curatore, Peter Frank

Ericson Gallery, New York

626 Space, NYC (performance)

1980

Hunter Gallery, Hunter College, New York, “Frames”, curatrice, Dorothy Zeidman

“Small Works”, Wash. Sq. East Galleries, NYU, NYC, curatore, Patterson Sims, Whitney Mus.

626 Space, NYC (performance)

Artists Space, New York (performance)

1976

Boston Visual Artists Union Gallery, Bost on,"Documenti", Harbor Gallery, Boston

1975

Harbor Gallery, Boston 1974 Nashua (New Hampshire) Arts and Sciences Center

http://www.nysun.com/arts/color - and - line/88946/ (recensione della mostra di Andre Zarre)

http:/ /www.newcriterion.com/posts.cfm/Critic - s - Notebook - per - novembre - 24 -- 2014 - 7641 (Zarre ex.)

http://www.newcriterion.com/articles.cfm/Gallery - chronicle - 7642 (review of 2013 S ideshow ex.)

http://www.newcriterion.com/articles.cfm/Galleria - cronaca - 7282

http://www.supremefiction.com/theidea/2012/01/gallery - chronicle - febbraio - 2012.html

http://www.pirihalasz.com/blog.htm?post=834515

What Only Paint Can Do, a cura di Karen Wilkin

James Panero, "Apprezzamento: artista Dana Gordon", blog Supreme Fiction, 18/01/2012, link nei blog PaintersTable, Art Matters

http://www.supremefiction.com/theidea/2012/01/appreciation - artist - dana - gordon.html

Grace Glueck, “Dana Gordon at Andre Zarre”, New York Times, 14/11 e 21/11/97

New York Magazine - Ottobre 1996 - Edith Newhall: Dana Gordon — Recent abstract pa intings; 10/8 1 1/9. Anthology Courtthouse Gallery, 32 Second Ave

 “Watchlist”, Der Standard, Vienna, Austria, 29/9/95

 “Besuch im Kunstlerhimmel”, K. Hofmann - Sewera, Kleine Zeitung , Graz, Austria, 19/9/95

Hilton Kramer,“In with the Out Crowd”, intervista, Artforum, marzo 1995

Helen Harrison,“Strong Individual Messages”, sulla mostra personale di Adelphi, NY Times, 27/11/94

The New Yorker, visione consigliata, mostre personali 1988, 1993 Ne w York Magazine - Oct 1993, Edith Newhall: "Dana Gordon — Thick - affiorato, quadri astratti gestuali; attraverso 10/23." The Painting Center, 52 Greene St.

NY Magazine, giugno 1988, Edith Newhall: “Large Scale abstract painti ngs with broad gestural field s of color, and mysterious allusions”; Ruggiero Henis Gallery, 415 West Broadway

Stephen Paul Miller,“Dana Gordon at Ruggiero - Henis”, COPERTINA, 1982

S. Gill,“Knowing What I Like”, Artnews, Estate, 1987

John Russell,“Knowing What I Like”, NY Times, 13/2/87

Ste phen Paul Miller,“Dana Gordon at Ericson”, NY Journal of the Arts, settembre 1982

Shelley Rice,“Frames”, Artforum, Estate, 1980

1990 & 1993

Borse di studio della Fondazione Edward Albee

1992

Millay Colony for the Arts

1988

Laboratorio di artisti del triangolo

1986

Sovvenzione Fondazione Pollock Krasner

1978

Wisconsin Arts Board Fellowship Nea US - UK Bicentennial Exchange Grant, alternate

1977

Borse di ricerca della Facoltà, Università del Wisconsin

1975

Borse di ricerca per la facoltà, Università del Massachusetts