5/5 (2)

Il mercato dell’arte online sta attirando sempre più investitori che ne riconoscono l’enorme potenziale e la crescita costante. Ma in cosa consiste effettivamente comprare arte online?    

Articoli correlati: Mondo dell’Arte 3.0: Il digitale supporta il mercato dell'arte post Coronavirus - Investire nell'arte? E' il momento più giusto degli ultimi 50 anni - Bio Art, la nuova frontiera bioetica dell'arte - Crypto Art il fascino discreto degli NFT

Gli investimenti in sfere diverse da quelle più classiche, come nel caso del mercato dell’arte, stanno diventando sempre più comuni, posizionandosi negli ultimi decenni come un settore ormai essenziale nel campo degli investimenti finanziari. La crescita esponenziale che ha interessato il settore ha infatti non solo attirato l’attenzione di coloro che erano già avvezzi agli investimenti finanziari, ma in settori maggiormente canonici come il mattone, ma anche molti giovani che hanno individuato nella possibilità di comprare arte online un settore di capitalizzazione interessante.

La crisi pandemica, nonostante abbia rappresentato (e tuttora certamente rappresenti) una sfida complessa per il mondo dell’arte ed in particolare per il mercato che lo rappresenta, ha permesso una svolta fondamentale per il settore dando slancio allo spostamento delle compravendite sulle piattaforme online. Questo ampliamento digitale ha permesso così non solo una ripresa significativa del settore in brevissimi tempi, ma anche di richiamare numerosi nuovi investitori attratti dai molteplici vantaggi, soprattutto in termini di sicurezza, trasparenza e comodità nell'acquisto. Nonostante infatti il collezionismo d’arte fosse - e tutt’ora in parte talvolta voglia esserlo - uno dei mondi sa sempre più inaccessibili e d’elite, grazie al dilagante potere della rete è riuscito ad assumere una veste sempre più democratica inserendosi definitivamente nella realtà online.

 

 Courtesy of ART Basel and UBS ©Arts Economics 2021.

 

Una democratizzazione che ha così permesso l’accesso al mondo del mercato dell’arte non solo a quegli investitori fino a qualche anno fa esclusi da esso per ragioni economiche, ma anche ai giovani artisti, che trovano nell’online vie più semplici per presentarsi al pubblico e dunque a potenziali compratori.

L’acquisto di opere online e il relativo desiderio di investire nell'arte è ormai divenuto un business di notevoli proporzioni, lanciato soprattutto da quelle giovani generazioni che, prima di tutti, si sono fatte promotrici di un essenziale rinnovamento del sistema, capaci di cogliere con grande lungimiranza i benefici della trasposizione di un settore così importante e così in crescita sulle reti online. 

Vale la pena quindi conoscere le diverse possibilità di acquisto che l'online offre ed indagarne le caratteristiche, in modo da poterne valutare con cognizione i fattori di diversificazione e quale forma di intermediazione all’investimento più ci aggrada.

Negli ultimi anni nel settore artistico sono nate numerose piattaforme online dalle più svariate offerte che hanno lo scopo di mettere in contatto le gallerie e le case d’asta con gli appassionati di belle arti, aprendo scenari innovativi per comprare arte onile. Queste nuove piattaforme consentono quindi ai collezionisti, sia di vecchia data che ai primi approcci, di navigare all’interno delle proposte del mercato reperendo tutti i dati e le informazioni necessarie sull’opera che desiderano acquistare, con la possibilità di osservarla in una definizione grafica sempre maggiore. 

 

 Courtesy of ART Basel and UBS ©Arts Economics 2021.

 

Il web è infatti diventato ormai il punto di riferimento essenziale, non più solo per le generazioni più giovani, i cosiddetti “nativi digitali”, per rispondere ad ogni tipo di ricerca di informazioni o curiosità. Diventa perciò necessità assoluta che anche il settore artistico possa presentarsi come sufficientemente competitivo anche sulla rete online. Tutti gli operatori del settore riconoscono infatti al commercio online il merito di aver supportato il settore nei tempi di crisi portandone liquidità, oltre che il ruolo indispensabile che oggi ricoprono. Inoltre la possibilità di acquistare arte online si presenta come una possibilità molto gradita dai collezionisti che dispongono in questo modo di una quantità di dati e informazioni sempre più crescente e approfondita.        

La possibilità di acquistare opere d’arte all’asta rappresenta per i collezionisti e investitori la possibilità di acquistare opere di grandi nomi della storia dell’arte oltre che di artisti contemporanei, senza alcuna barriera di ingresso, come talvolta può accadere nel caso delle gallerie. 

La chiusura al pubblico delle case d’asta nel periodo pandemico non ha rappresentato una eccessiva caduta del mercato delle aste proprio grazie al grande numero di eventi che si sono tenuti online nel corso dei mesi di crisi. I risultati assolutamente positivi hanno rafforzato la convinzione della necessità di mantenere vivo questo settore anche sul web, dando vita ad un trend via via più usuale e consistente. È certo che, seppur si tratti di una curva in salita progressiva ed esponenziale, sarà più complicato, per quanto riguarda le case d’asta, che il mercato delle vendite online superi in preferenza quello delle vendite in sede. Il mondo del collezionismo infatti ha costruito attorno a sé dei rituali che non sono sempre facili da smantellare, soprattutto nel caso delle battute d’asta: il clima che si crea all’interno della sala durante un’asta, e per tutto il rituale che aleggia attorno alla compravendita di opere d’arte in questa forma mantengono perciò il ruolo delle aste online ancora in una certa forma marginale. Ciò non toglie che la possibilità di parteciparvi anche via web rappresenti un’opportunità rilevante per il settore.  

Gli investitori in ogni caso, anche nelle compravendite online, continuano a preferire il rapporto diretto tra venditori e consumatori (il cosiddetto B2B - business to business - o B2C - business to consumer). È in questa necessità che si inseriscono le piattaforme di venda per comprare arte online. 

 

 Courtesy of ART Basel and UBS ©Arts Economics 2021

 

Le piattaforme online - di cui Kooness.com rappresenta un esempio eccellente e si posiziona sicuramente tra i migliori siti web per comprare artel - si presentano principalmente come siti web annessi ad un’app e spesso accompagnati dai loro profili social, ormai altrettanto indispensabili nel piano comunicativo di qualsiasi progetto, in particolar modo se legato ad una sfera anche estetica. 

Lo scopo di questi strumenti è essenzialmente quello di mettere in comunicazione il mercato dell’arte con i suoi acquirenti, ponendosi come vetrina espositiva per le gallerie di tutto il mondo, che si trovano così riunite all’interno di uno stesso spazio online che ne espone la selezione di opere. In questo modo il soggetto interessato potrà non solo accedere con grande semplicità ad un numero consistente di gallerie internazionali, ma anche svolgere la propria ricerca attraverso una selezione per filtri comoda e trasparente, impostandola rispetto al proprio gusto, necessità e budget. 

Queste piattaforme rappresentano quindi un modo innovativo e unico di sfogliare vasti inventari di opere in una misura assolutamente impensabile nello spazio “offline”. 

Grazie al web e alla possibilià di comprare arte online, le barriere economiche, rituali e geografiche sono state in grande parte abbattute, rendendo l’accesso al mercato dell’arte sempre più ampio e democratizzato. 

 

Scritto da Noemi Forte

Restate sintonizzati su Kooness magazine per altre interessanti notizie dal mondo dell'arte.

Please rate this post

Grazie per il tuo voto!

Newsletter

Ho letto la Privacy Policy e acconsento al trattamento dei miei dati personali