Home Magazine Breath Ghosts Blind

Dopo più di 10 anni di mostre personali in giro per il mondo, Maurizio Cattelan torna in Italia con Breath Ghosts Blind, una mostra che si terrà dal 15 luglio 2021 al 20 febbraio 2022 al Pirelli HangarBicocca di Milano. 

Articoli correlati: The Guggenheim Museum will display Maurizio Cattelan's banana - "Bedtimes stories" the last project by Maurizio Cattelan - The Colouring Book: How to Survive by playing with art - Maurizio Cattelan at Blenheim Palace

Maurizio Cattelan, nato a Padova nel 1960, nel corso della sua carriera ha messo in scena interventi che sono stati spesso visti ed interpretati come provocatori ed irriverenti. Le sue opere evidenziano i paradossi della società e riflettono su scenari politici e culturali: utilizzando immagini iconiche ed un linguaggio visivo tagliente, i suoi lavori provocano spesso accesi dibattiti e favoriscono un senso di partecipazione collettiva. Nel produrre opere basate su immagini che attingono a momenti, eventi storici, figure o simboli della società contemporanea, l'artista invita lo spettatore a cambiare prospettiva e a riconoscere la complessità e l'ambiguità della realtà.

Breath Ghosts Blind è stato concepito proprio per gli spazi dell'Hangar Bicocca e rappresenta la somma di 30 anni di lavori realizzati dall'artista. Curata da Roberta Tenconi e Vicente Todolí, la mostra ripercorrerà i temi tipici della ricerca di Cattelan, evidenziando contraddizioni e ombre della società contemporanea attraverso un linguaggio ironico, corrosivo e goliardico. Ospiterà sia opere passate che inedite, le quali saranno esposte per la prima volta nelle sale dell'HangarBicocca: ci saranno diversi atti che affronteranno temi come la fragilità della vita, la memoria ed il senso di perdita, sia collettiva che individuale. L'artista lo ha descritto come "una visione della storia collettiva e personale attraverso una rappresentazione simbolica del ciclo della vita". Ancora una volta, dunque, Cattelan ci inviterà - o meglio, ci provocherà - a cambiare il nostro punto di vista, evidenziando quel frammento acuto di surreale, di paradosso, che è latente nella nostra vita quotidiana, nei piccoli e grandi eventi delle storie personali e collettive.

 

Maurizio Cattelan Getty Image.

 

Questo evento sarà fondamentale ed ampiamente positivo per il sistema dell'arte, perché Cattelan è una di quelle personalità ancora in grado di emozionare un grande pubblico e di attirare l'attenzione dei media di tutto il mondo. Milano è una città che è già stata teatro di alcuni degli interventi più iconici e significativi realizzati dall'artista, come L.O.V.E. (2010), in Piazza Affari, e Untitled (2004), in Piazza XXIV Maggio. In questa nuova occasione, la città sarà il luogo in cui l'arte contemporanea ricomincerà ad esporsi al pubblico in Italia, dopo le restrizioni dovute al Covid-19. 

Breath Ghosts Blind sarà il seguito delle riflessioni visionarie di Cattelan sugli aspetti più disorientanti della vita quotidiana. La forza artistica e narrativa di Cattelan gli permette di vantare una carriera eccezionale, infatti le sue mostre monografiche sono state ospitate dalle più importanti istituzioni internazionali: Blenheim Palace nel 2019, Monnaie de Paris nel 2016, Guggenheim Museum, New York nel 2016 e prima ancora nel 2011, Fondation Beyeler di Basilea nel 2013. Cattelan ha anche partecipato ad importanti mostre collettive, tra cui la Triennale di Yokohama (2017 e 2001) e la Biennale di Venezia (2011, 2009, 2003, 2001, 1999, 1997 e 1993). La sua ultima mostra a Milano è stata nel 2010 a Palazzo Reale.

La mostra sarà accompagnata da un catalogo pubblicato da Marsilio Editori che include, tra gli altri, contributi critici di Francesco Bonami, Nancy Spector, Arnon Grunberg, Andrea Pinotti e Timothy Verdon. La monografia si avvale di una ricca documentazione fotografica delle opere installate, insieme a riflessioni sui temi sollevati dalla mostra, letti attraverso gli occhi di filosofi, teologi e scrittori.

La mostra di Maurizio Cattelan sarà visibile nei corridoi dell'Hangar Bicocca in contemporanea con Digital Mourning di Neïl Beloufa, prolungata fino al 9 gennaio 2022 nello spazio Shed.

 

Immagine di copertina: BREATH GHOSTS BLIND. Per gentile concessione dell'Archivio Maurizio Cattelan.

Scritto da Caterina Ippolito

Tradotto da articolo inglese Breath Ghosts Blind

Restate sintonizzati su Kooness magazine per altre interessanti notizie dal mondo dell'arte.


Dai un voto a questo articolo
Grazie per il tuo voto!

A SEGUIRE >

A SEGUIRE >