Home Opere Untitled

Untitled

1967

Firmato

Dimensione

70 x 50 cm
28 x 19.69 in

Anno

1967

Riferimento

3ace4b11

Litografia

Composizione astratta dell'artista italiano Piero Dorazio, opera del 1967. In questo lavoro l'artista utilizza una composizione geometrica astratta e un uso sapiente del colore nelle combinazioni cromatiche.

Firmato a mano in basso a destra e numerato in basso a sinistra in edizione da 100 esemplari.

1927 Rome, Italy

Dorazio nasce a Roma. Suo padre era un funzionario statale, mentre sua madre era interessata alla storia e all'arte. Dorazio frequentò il Liceo Giulio Cesare di Roma. Durante la seconda guerra mondiale, nel 1943, la famiglia fuggì in provincia d'Abruzzo, da dove proveniva otiginalmente. Dopo la liberazione dell'Italia e la fine della guerra civile, Dorazio lavorò brevemente come traduttore per l'esercito britannico. Nel dopoguerra inizia a studiare architettura all'Università di Roma. Influenzato da futuristi come Gino Severini, Antonio Corpora, Enrico Prampolini e Giacomo Balla, gravitò verso la pittura, ma un'avversione per le loro marcate opinioni di destra lo spinse ad allinearsi con artisti di sinistra come Renato Guttuso. Insieme a Pietro Consagra, Achille Perilli e Giulio Turcato, nel 1947 contribuì a formulare un manifesto e a fondare un gruppo di artisti astratti chiamato Forma I. Sebbene intriso di tendenze socialiste, il gruppo non seguì il commento sociale realista promosso da Guttuso, ma propose di recuperare l'astrazione dal movimento futurista. Nel 1947, Dorazio vinse un premio e uno stipendio dal governo francese per studiare all'École des Beaux-Arts di Parigi. Nel 1950, Dorazio, insieme agli artisti Mino Perilli e Guerrini, contribuì a fondare L'Age d'Or, uno spazio di libreria/galleria dedicato all'arte astratta. Nel 1952 promuove con Alberto Burri, Ettore Colla e altri la fondazione Origine e cura la rivista Arti Visive. Nel 1953, come rappresentante dall'Italia, si recò per la prima volta negli Stati Uniti per partecipare all'International Summer Seminar presso l'Università di Harvard, Cambridge, MA. Quell' autunno, si trasferì a New York City e rimase fino al 1954. In ottobre, Dorazio ha avuto la sua prima mostra personale alla One-Wall Gallery di George Wittenborn. Nel 1955 pubblica “La Fantasia Dell'Arte Nella Vita Moderna”, rassegna di Arte Moderna in Italia. In questo libro, afferma il recensore Christopher Masters, Dorazio avanzava la sua convinzione, forse con un eccesso di ottimismo, che "l'arte astratta potrebbe cambiare il mondo... che proprio come la scienza e la tecnologia stavano distruggendo le barriere tra culture diverse, così il nuovo 'stile universale' avrebbe portato a una 'civiltà universale'." Nel 1961, gli fu assegnato il Prix Kandinsky a Parigi. Nel 1959 fu invitato a insegnare alla Graduate School of Fine Arts della University of Pennsylvania School of Design. Insegnò pittura alla scuola di specializzazione dal 1960 al 1969, un semestre all'anno, dividendo il suo tempo tra gli Stati Uniti e l'Italia. Nel 1970 torna a vivere e lavorare a tempo pieno a Roma. Nel 1974 trasferisce il suo studio da Roma in Umbria, vicino a Todi. Ha continuato a lavorare ed esporre fino al 2004. Descritto come un "personaggio schietto e indipendente" che era "l'opposto del politicamente corretto", l'uso di materiali e colori da parte di Dorazio non cambiò molto nel tempo. È noto soprattutto per la realizzazione di dipinti con spesse bande di colore brillante e griglie tratteggiate a croce. Sebbene astratti, non trascurano i dettagli o la complessità. Il suo stile è in linea con ciò che Clement Greenberg descrisse in seguito come "Astrazione post-verniciata".


Continua a leggere

Indirizzo

Milano,

Pisacane Arte è una galleria d'arte contemporanea e moderna situata a Milano. Con oltre 300 mq di spazio, la galleria organizza mostre, eventi e conferenze culturali al fine di favorire l'incontro tra artisti, collezionisti e amanti dell'arte. La galleria d'arte propone opere di artisti storicizzati ed emergenti, con una particolare attenzione al pop e all...

Continua a leggere